Molto spesso ci sentiamo dire come poter realizzare “risparmio” anche in situazioni dove sembra impossibile poterlo fare.

Si discute su come oggi si possa produrre risparmio anche in momenti difficili come quelli che stiamo vivendo, sia dal punto di vista reddituale che lavorativo che del welfare. Non si riesce (o non si vuole) andare oltre per andare avanti, pensando in modo positivo e sfruttando la crisi come modello per una rinascita. Per dimostrare questa tesi ci sono 3 prove che sono molto più di 3 indizi.

  • La prima: la comunicazione e il marketing ci spingono a fare confronti su tutto, dalle assicurazioni ai prodotti alimentari, dai servizi legati alla casa ai servizi legati alla persona. Tutto produce risparmio. Confronta, cambia, paragona i prezzi e scegli il servizio che ti costa sempre meno, a discapito di qualità e sicurezza. E in più tutto deve essere veloce, immediato, a portata di “dito-click”. Si negano i giusti tempi per il contradditorio e l’approfondimento, vale a dire la creazione della conoscenza e della consapevolezza. Seth Godin usava dire “I clienti tengono conto del prezzo solo quando solo quando non hanno nient’altro da prendere in considerazione”.
  • La seconda: il DNA di noi italiani. L’Italia è un Paese di risparmiatori. Dalla notte dei tempi l’italiano è abituato sin da piccolo, per storia e per cultura, a pensare al peggio e a mettere sempre da parte un soldino per i momenti di crisi e di difficoltà. Non a caso siamo il Paese più appetibile d’Europa dal punto di vista di risorse economiche indipendenti e anche il più longevo, ulteriore plus di ricchezza. Ma anche quello con maggior debito pubblico e un Pil di crescita pari a uno zero e virgola. Un vero paradosso nei paradossi. Ciò purtroppo è tipico dell’italianità della nostra economia.
  • La terza, la migliore. Più che in lettere e in parole ve lo descrivo in numeri: 1.400 miliardi di euro stagnanti nei Conti Correnti bancari. Fermi, statici, soli li ad attendere una fine più o meno dignitosa. Una cifra enorme e, a quanto pare, sempre più in crescita. Nel dubbio, l’italiano probo ma non consapevole del vero valore dei suoi soldi si affida al cosiddetto “materasso bancario”. L’italiano ammucchia in Banca fidandosi ciecamente. A tal punto che anche per il sistema bancario questa enorme quantità di liquidità comincia davvero a creare più problemi che imbarazzo. Visto anche la promozione di Leggi restrittive sull’uso del contante da parte del Governo e delle Lobby finanziarie che lo manovrano.

Come vedete il risparmio esiste. Non è una offesa, non è una parolaccia e neppure utopia. Semplicemente c’è e non si nasconde a nessuno. E siccome esiste perché non dargli un po’ di vita, ovvero farlo rendere?
Vado diretto al punto. Tutti ci dicono come poter produrre risparmio ma nessuno ci dice come fare in modo che questo rimanga utile nelle nostre tasche producendo ricchezza, serenità, sicurezza, libertà e maggior futuro. Che in due sole parole vuol dire tutela dei propri soldi e guadagno. Proprio così: protezione da eventi esterni che ne ridurrebbero il valore nel tempo e guadagno che si materializza concretamente con una vera rivalutazione del bene accantonato.

Quanto rendono veramente i miei risparmi in Banca? E se rendono qualcosina, tolti interessi, costi di mantenimento e costi dovuti alle sorprese unilaterali che sistematicamente vengono prodotte post contratto, quanto “non perdo” tenendoli in Banca? Ritroverò integro il mio capitale iniziale affidandomi ad un piano assicurativo o previdenziale? E se dovessi avere la necessità di doverli usare, me li daranno subito? In parte o tutti? E gli interessi accumulati? Che fine faranno e chi li intascherà? Queste (e molte altre) le domande che siamo abituati a farci quando non conosciamo bene le opportunità che potremmo sfruttare.

A queste domande, e naturalmente a molte altre, in GoldCare possiamo dare una risposta vera, efficace, concreta, chiara, trasparente e portatrice di serenità. Ma possiamo darla solo con lo sviluppo di due cose: un’azione – DIVERSIFICARE – e un prodotto – ORO FISICO DA INVESTIMENTO.

Se vogliamo renderci più consapevoli e maggiormente autonomi nel gestire i propri danari garantendogli maggior tutela e maggior guadagno nel medio – lungo termine, dobbiamo aprirci a nuove opportunità investendo una parte dei propri risparmi nel bene rifugio per eccellenza, conosciuto da millenni e asse portante delle economie di Paesi e Governi. Noi siamo pronti da tempo per spiegarti come poterlo fare e dare futuro vero ai tuoi soldi.

Concludo ricordando ciò che usava dire una mente geniale che visse a cavallo tra la fine dell’’800 e il ‘900. Pur non essendo un economista, introdusse motivi di riflessione per i suoi tempi forse eccentrici ma ancora oggi riferimenti più che attuali, partendo da considerazioni semplici, presenti allo stato naturale della vita quotidiana:

La vera follia sta nel fare sempre la stessa cosa aspettandosi risultati diversi.

A. Einstein.

 

Leave a Reply