Siamo in piena crisi. I nostri problemi legati alla nostra economia in deficit, al debito pubblico, al PIL che non cresce, ci portano a pensare al peggio. Non si sbaglia se si dice che presto vedremo un segno meno di fronte al valore crescita. Ora, fatto salvo la realtà dei fatti, che potrà piacere o non piacere, bisogna anche dire che non è la prima volta che noi italiani ci confrontiamo con momenti difficili. La nostra resilienza e famosa in tutto il mondo e noi sappiamo bene che nei momenti con meno serenità all’orizzonte siamo in grado di tirar fuori il meglio di noi, tutti insieme, senza distinzioni e differenze.

Questo è il momento in cui, invece di piangerci addosso, ci ricordiamo che la parola “crisi” proviene dal greco “krísis” e indica “scelta”, “decisione”. Se riflettiamo sull’etimologia della parola, possiamo quindi coglierne una sfumatura positiva, in quanto ogni momento di crisi, cioè di riflessione e valutazione, può trasformarsi in una opportunità e in un presupposto per un miglioramento e una rinascita.

Il nuovo virus che arriva da lontano, dalla produttiva ed efficiente economia cinese, ha infettato anche tutti i mercati economici. Ogni giorno, all’aumentare della diffusione epidemica, assistiamo all’aumentare dei Paesi che entrano in crisi economica. Vuoi per la dipendenza con il mercato cinese, vuoi anche per le fobie e le incomprensioni tra i sistemi economici – finanziari globali. Talvolta in tutto questo c’è una buona dose di speculazione che alimenta il fuoco delle tensioni dei mercati. Ogni giorno assistiamo a un rialzo del prezzo di tutte le materie prime. L’Oro non fa eccezione, dimostrando di essere l’unico vero bene rifugio capace di sostenere la crisi a testa alta. Nel giro di 48 ore si è assistito ad un rally dei suoi valori come da tempo non si registravamo: si è passati da un +4.5% al suo esatto opposto. Segno evidente che il mercato è vivo, reattivo e liquidissimo. Questo è un buon segno.

Lo diciamo sempre e non perdiamo l’occasione per dirlo anche adesso. L’Oro mantiene ciò che dice. E lo fa indistintamente da epoche o da virus con gli occhi a mandorla. Persino il Coronavirus ha in se la parola “oro”. L’Oro fa ciò che dice senza distinzione di Paesi o razze. E’ rifugio per qualsiasi valuta in difficoltà. Le economie dei Paesi più industrializzati, come quelle dei Paesi emergenti, sono sempre più alla ricerca di stabilità. Per questo si rifugiano in acquisti massivi in metallo giallo.

La vera crisi sarà quando l’Oro comincerà davvero a scarseggiare e il suo valore prenderà sempre più quota, diventando un bene talmente prezioso che chi lo possederà potrà sul serio fare la differenza. Anche la ricerca dei nuovi farmaci per contrastare e vincere questa nuova epidemia fa i conti con i depositi d’Oro. Nulla si crea e nulla si distrugge, ma con la ricchezza si possono cambiare le sorti della nostra esistenza. Alla scienza il rimedio. Alla natura l’Oro.

Quindi perché non decidi anche tu a crearti un risparmio resiliente? Un grammo al giorno toglie…la crisi di torno e regala serenità al tuo futuro.

Trovi tutte le informazioni su www.goldcare.it

#GoldCareOro #OroFisico #Coronavirus #Covid19

Puoi ascoltarci sul nostro nuovo canale Spreaker sulle principali piattaforme, ricordati di abbonarti!

 

Leave a Reply