Venerdì la Lira turca (+1% sul dollaro) e il Peso argentino (+3,15% ) hanno concesso, sui listini Ue, un momento di tregua. La ripresa però, a fronte dei crolli degli ultimi mesi, non ha impressionato gli investitori. I quali, ascoltando l’ultima invettiva di Donald Trump che ha minacciato l’uscita degli Usa dalla Wto, hanno ricordato a loro stessi che le fonti di rischio per i mercati sono diverse. Vale a dire: non si deve monitorare, giusto o sbagliato che sia, il solo caso-Italia. Nel gioco ci sono altre carte, e altri giocatori, che possono fare saltare il banco.

  • 1. Il Trumpismo
    Una è proprio la politica protezionistica di Washington. Bank of America Merrill Lynch, in un recentissimo studio, rileva che la guerra commerciale è di gran lunga il rischio più “sentito” dai gestori dei fondi globali (57% degli intervistati). Il dato non stupisce. Giovedì scorso il Presidente Usa da una parte ha, per l’appunto, minacciato il ritiro dell’America dall’Organizzazione mondiale del commercio; e, dall’altra, si è detto intenzionato ad annunciare, già la settimana prossima, dazi su 200 miliardi di dollari di importazioni cinesi. Certo: l’ex presentatore di “The apprentice” ha abituato alle sue “boutade”. Inoltre, dopo mille polemiche, gli Usa hanno rinnovato l’accordo commerciale con il Messico ( l’attesa è che si aggiunga il Canada). Ciò detto, però, il comportamento imprevedibile di Trump elimina la visibilità sugli scenari futuri. In una parola crea ciò che i mercati fuggono con forza: l’incertezza.
  • 2. I mercati emergenti
    Quell’incertezza che, è noto, caratterizza diversi emergenti . «In realtà – spiega Angelo Drusiani, esperto di Albertini Syz – le crisi di Turchia o Argentina non sono in grado di per sé di far deragliare i mercati». Tuttavia, è il pensiero di molti, va ricordato l’effetto “catalizzatore”. Cioè: i problemi di un “emerging” possono costituire il vento che rinfocola la brace sotto la cenere. Un esempio? La Turchia stessa e l’Italia. Già in avvio di agosto c’è stata un’avvisaglia. Alla crisi di Ankara si erano sommati i timori per le possibili future mosse economiche del Governo di Roma. Con il che da una parte le banche di Piazza affari, detentrici di BTp, sono crollate (ribasso del 3,5% nella sola seduta del 10/8/2018); e, dall’altra, lo spread BTp-Bund era balzato all’insù. È ben vero che, come mostra il rialzo del rendimento del nostro decennale (ieri al 3,25%), gli operatori ormai scontano il rischio-Italia. E tuttavia l’eventuale inasprirsi della situazione in Turchia sarebbe un evento-catalizzatore che i ribassisti sfrutterebbero.
  • 3. Illiquidità dei mercati dei bond
    Ma non è solo questione di “emergenti”. Altro tema è la crescita dei debiti a livello globale. Il loro valore è arrivato alla cifra di circa 237mila miliardi. Una montagna di obbligazioni a fronte della quale il mercato obbligazionario rischia di essere illiquido. Le banche infatti, strette da regolamenti più severi, trovano poco conveniente svolgere la funzione di market maker. «Con il che – spiega Raimondo Marcialis, ceo di Mc Advisory – non stupisce vedere posizioni in vendita di bond restare senza compratori». È chiaro che una simile situazione, soprattutto a fronte della dinamica del nostro debito pubblico, costituisce una fonte di rischio da monitorare.
  • 4. Le politiche monetarie
    Già, monitorare. Certamente nel radar degli operatori ci sono le banche centrali e le loro politiche monetarie. In particolare quella della Bce. L’istituto centrale dell’Unione monetaria va via via eliminando il Qe. Ad ottobre gli acquisti di asset scenderanno a 15 miliardi (più i re-investimenti). Poi, da gennaio, rimarranno solo questi ultimi. Inutile dire che, anche di fronte alla scadenza delle elezioni europee, essere “orfani” del “monetadone” voluto da Mario Draghi è un’ulteriore fonte d’incertezza. Certo: la politica monetaria resterà espansiva con i tassi “rasoterra”. E però gli investitori sono all’erta.
  • 5. Il Paese del Dragone
    Così come mantengono ben sottolineate sul loro taccuino le eventuali problematiche conseguenti alla Cina. Questo fronte, in qualche modo, è legato a Trump e alla politica dei dazi. «È possibile – spiega Antonio Cesarano, Chief global strategist di Intermonte Sim – che una simile strategia, seppure indirettamente, possa indurre un rallentamento dell’economia di Pechino e, più in generale, di quella globale». Se ciò accadesse, a pagarne le conseguenze (oltre ai Paesi emergenti) sarebbe anche e soprattutto l’Europa con i suoi mercati. Compresa l’Italia.

di Vittorio Carlini, www.ilsole24ore.com, Finanza&Mercati

Partecipa alla discussione 3 Commenti

  • Avatar IVANO ha detto:

    La mia famiglia ha da sempre investito in pietre e in oro. Sono cresciuta con la consapevolezza che investire in un bene rifugio prezioso sia un’ottima garanzia per il domani e un’ottima garanzia nei momenti di difficoltà. Credo la soluzione GoldCare dia la possibilità ad ogni cittadino italiano di avere la proprietà di qualche grammo di Oro fisico da investimento per proteggere il proprio capitale e garantirsi un sereno futuro economico.

  • Avatar Serena ha detto:

    Ho solo 25 anni e da poco, pur studiando ancora, ho iniziato anche un’attività lavorativa che mi garantisce un minimo mensile. Qual’è la cifra minima per un investimento in oro? Grazie.

    • Avatar Stefano Molinelli ha detto:

      Nella situazione che mi esponi, per cominciare ad accumulare grammi di oro fino non si richiedono grandi capitali. Un Piano di Acquisto Oro può essere tranquillamente cominciato con 50 – 100 € mese, cosi da garantirsi acquisti di Oro fino dai 600 ai 1200 € annui. Questa sarebbe già un’ottima partenza.

Lascia un commento